Blog

Il necessario consenso nelle pratiche sessuali estreme

Avuto riguardo alle pratiche sessuali estreme, affinché non si configuri il delitto di violenza sessuale, il consenso del partner deve permanere per tutta la durata delle stesse (Cass. Pen. sez. terza, Sent. n. 11631/2021). La sentenza in commento trae origine dal ricorso in Cassazione proposto dall’imputato avverso i reati di: violenza sessuale di gruppo ex art. […]
  • Posted by Valeria Picaro
  • On 28 Giugno 2021
  • Read More

Messaggi ingiuriosi a mezzo e-mail o P.E.C.

Quando si configura il reato di diffamazione? Il reato di diffamazione, come disciplinato all’art. 595 c.p., si configura ogniqualvolta venga offesa la reputazione di una determinata persona, all’occasione assente, e con qualsiasi mezzo idoneo a comunicare con più persone: trattasi, infatti, di reato a forma libera, potendo essere svariate le modalità dell’azione. Non è  affatto inusuale […]
  • Posted by Valeria Picaro
  • On 8 Gennaio 2021
  • Read More

Legittima difesa anche se si usa un mezzo sproporzionato

Con la pronuncia n. 20741/2020 del 13.07.2020, la prima sezione della Suprema Corte ha sancito che la legittima difesa non è esclusa dall’uso di un coltello, se questo era  l’unico mezzo a disposizione per difendersi e l’aggressione era inarrestabile. La pronuncia in commento trae origine dal ricorso dell’imputato avverso la condanna della Corte di appello […]
  • Posted by Valeria Picaro
  • On 7 Settembre 2020
  • Read More

Processo penale: gli screenshot sono validi come le foto

È lecito acquisire lo screenshot[1] dello schermo di un cellulare sul quale compaiano messaggi sms:  questo è quanto sancito dalla Suprema Corte nella sentenza n. 8332/2020. Il principio veniva affermato in seno alla decisione sul ricorso proposto dall’imputato avverso una sentenza di condanna per i reati di cui all’art. 609 bis c.p. e art. 609 […]
  • Posted by Valeria Picaro
  • On 14 Luglio 2020
  • Read More

Diffamazione: solo se la vittima è identificabile

La Cassazione parla chiaro: la persona offesa deve essere individuata o individuabile La Suprema Corte di Cassazione, con la recente pronuncia del 26 novembre 2019, torna sul tema della diffamazione di cui all’art. 595 c.p., ribadendo, in piena continuità con i precedenti arresti, un importante principio di diritto: il delitto di diffamazione è configurabile solamente in […]
  • Posted by Valeria Picaro
  • On 31 Marzo 2020
  • Read More